Le Indignate Rosse
Donne che resistono e sfidano il governo greco
Categories: General

Condividiamo l’appello pubblicato da COMMUNIA

Non sperate che vacilleremo!
Siamo 595 assistenti di pulizia del ministero della finanza che il giorno 17 di settembre 2013 abbiamo perso il nostro posto di lavoro. Lo stato ci ha abbandonato e il nostro lavoro è finito in mano a dei subappaltatori, senza che questo abbia fatto risparmiare nulla allo stato. Il nostro salario ha sempre oscillato tra i 300 e i 600 euro al mese. Non siamo numeri o cifre, siamo esseri umani, non abbasseremo la testa. Dal 17 di Settembre siamo scesi in stada in difesa del nostro lavoro della nostra vita.
Il Governo prova in tutti i modi a farci abbandonare la nostra lotta. Le immagini di donne indifese di 50-60 anni colpite dalle forze speciali della polizia (MAT) han fatto il giro del mondo. Molte di noi son state portate all’ospedale dopo la brutale agressione subita dalla polizia.
Abbiamo scelto la dignità. Questi sono stati dieci mesi di lotta, di povertà e di problemi. Però continuiamo la nostra lotta. Vogliamo qualcosa di ovvio: il nostro diritto ad una vita dignitosa.
Un’ondata di solidarietà ha fatto il giro del paese. Lavoratori, disoccupati, studenti, pensionati e artisti han mostrato il loro sostegno in ogni modo possibile.
La giustizia Greca ci ha dato ragione, però il Governo si rifiuta di eseguire la sentenza dei tribunali. Al posto di questo, il governo vuole vendicarsi perchè abbiamo scelto la dignità.
La solidarietà è l’arma del popolo. Facciamo un appello affinchè manifestiate la vostra solidarietà con la nostra lotta per la vita e la dignità. Vi chiediamo di firmare la petizione e che ci aiutiate a raccogliere più firme possibili, affinchè il governo sia obbligato a rispettare la sentenza della Corte, qualcosa che al governo Greco non comporterà nessun costo aggiuntivo.
Insieme possiamo fermare questa politica brutale

Appello
Per una giornata internazionale di solidarietà con le 595 lavoratrici di pulizia del ministero della Finanza Greco

Noi, personale di pulizia del ministero della finanza, che abbiamo perso il nostro lavoro dopo il 17 settembre 2013, proponiamo di unire le nostre forze ed organizzare una giornata internzazionale di solidarietà sabato 20 settembre 2014.
Noi, personale di pulizia del ministero della finanza, che siamo state allontanate dal nostro lavoro il 17 settembre 2013 per far spazio ad appaltatori privati, siamo impegnate da 11 mesi in una lotta per la vita contro la politica di austerità e contro quelli che la applicano, il governo Samaras e la Troika.
Tutti i giorni rivendiachiamo per le strade il nostro lavoro ed i nostri diritti, resistendo alla violenza della polizia e alla propaganda del governo. La Giustizia Greca ci ha dato ragione però il governo si rifiuta di accettare ed applicare la decisione del giudice.
Vi chiediamo: associazioni di cittadini e moviementi sociali, sindacati dei lavoratori e lavoratrici, organizzazioni femministe, partiti politici e cittadini e cittadine del mondo intero, che non accettiate l’ingiustizia e condividiate la sofferenza delle vittime, che urliate a voce alta la vostra solidarità con la nostra lotta per la vita e per la dignità, una lotta che è anche una vostra lotta.
Proponiamo di unire le forze ed organizzare:
Una giornata internazionale di solidarietà
Proponiamo la settimana dal 15 al 22 di settembre, ossia, la settimana precedente alla sentenza definitiva sulle 595 lavoratrici di pulizia che sarà emessa il 23 Settembre 2014. Il movimento di mobilitazione internazionale potrà realizzarsi sabato 20 Settembre.
Si potranno realizzare azioni di solidarietà, come comizi e manifestazioni pubbliche, mobilitazioni davanti alle ambasciate e consolati Greci, davanti agli edifici del FMI a Washington e alla Banca Centrale Europea a Francoforte, o in qualunque altro posto vi sembri adeguato.
Si sta già preparando la partecipazione di una delegazione di queste lavoratrici in lotta alla manifestazione che avrà luogo davanti al Parlamento Europeo a Strasburgo il 16 e 17 di Settembre.

Leave a Reply